Testo e traduzione della canzone Julien Clerc - Ivanovitch

Il était arrivé
Arrivò
Le fiacre l'emportait
La cabina superato
Toujours la même ville
Sempre la stessa città
Toujours les mêmes gares
Sempre le stesse stazioni
Des églises barbares
Chiese barbariche
Saint-Pétersbourg ma ville
La mia città di San Pietroburgo

Ivanovitch est là
Ivanovic è
Ivanovitch est là
Ivanovic è
Et le ciel est toujours si gris
E se il cielo è sempre grigio
Et la pluie chaque jour si triste
E la pioggia ogni giorno così triste

Tout est fermé
Tutto è chiuso
La maison est là solitaire
La casa è solitaria
Une rumeur, un pas traîné
Una voce, non una trascinato
La porte s'ouvre un peu
La porta si apre leggermente
Et il est entraîné par ceux
Ed è guidato da coloro
Qui l'appellent mon frère
Chi chiamare mio fratello
Ivanovitch est là
Ivanovic è
Ivanovitch est là
Ivanovic è
Et le ciel est toujours si gris
E se il cielo è sempre grigio
Et la pluie chaque jour si triste
E la pioggia ogni giorno così triste

Dans un coin du logis
In un angolo della casa
Tous se pressent autour de lui
Tutto folla intorno a lui
La fille a l'air fanée
Ragazza è sbiadito aria
Et le garçon gêné
E il ragazzo goffo
Le père et tous les apprentis
Il padre e tutti gli apprendisti
Qui rêvent de Paris
Sognando Parigi

Ivanovitch est là
Ivanovic è
Ivanovitch est là
Ivanovic è
Et le ciel est toujours si gris
E se il cielo è sempre grigio
Et la pluie chaque jour si triste
E la pioggia ogni giorno così triste


Tradotto da Anonimo

Aggiungi / modifica traduzione
Email:

P